NON È UN CASO SE LA RYDER CUP, INAUGURATA NEL 1927, È STATA DEFINITA IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO GOLFISTICO DEL MONDO.

Guidati dai rispettivi capitani, i migliori giocatori d’Europa e degli Stati Uniti – dodici per squadra – si impegnano al massimo per conquistare l’ambito trofeo Samuel Ryder. La fortuna gira rapidamente quando queste squadre d’élite mettono in campo la somma dei loro talenti.

Il trofeo

In che paese si gioca meglio a golf? Ecco la domanda che, oltre novant’anni fa, ha portato a disputare una partita amichevole fra i golfisti britannici e quelli americani. Samuel Ryder, un uomo d’affari presente all’evento, ne fu così entusiasta da decidere di trasformarla in una gara regolare, mettendo in palio un trofeo. Nel 1927 le due squadre si riunirono in Massachusetts per disputare la partita inaugurale. Il resto è storia. La Ryder Cup è uno dei trofei più ambiti del golf e simboleggia i valori tradizionali di eccellenza e fair play che rappresentano l’essenza di questo sport.

SPIRITO DI SQUADRA

Non ci sono premi in denaro nella Ryder Cup. I maggiori golfisti d’Europa e degli Stati Uniti gareggiano per l’orgoglio, il rispetto e la gloria della propria squadra. Lasciando da parte le rivalità individuali, i compagni di squadra uniscono i loro talenti per determinare quale sponda dell’Atlantico conquisterà la vittoria di questa prestigiosa gara che si svolge ogni due anni.

SPIRITO DI SQUADRA

UN EVENTO SENZA PARI

La Ryder Cup è senza dubbio la gara a squadre più emozionante del golf. Disputata ogni due anni dai migliori giocatori d’Europa e degli Stati Uniti, ogni edizione attira oltre 200.000 spettatori sul campo e milioni di telespettatori in tutto il mondo. Lo spirito di competizione è sempre altissimo nei tre giorni della gara, dal venerdì alla domenica; tanto i golfisti quanto gli spettatori si infiammano mentre la tensione sale alle stelle.

UN EVENTO SENZA PARI

Condividi questa pagina