Aggiornamento browser richiesto

Benvenuti al sito rolex.com. Per una navigazione ottimale, è necessario aggiornare il browser alla versione più recente.

Inizia a seguire Rolex su WeChat scansionando questo codice QR.

Roger Federer

Ogni Rolex ha una storia da raccontare

Roger Federer, detentore di 19 titoli nei tornei del Grand Slam® e del record per il maggior numero di vittorie a Wimbledon, è uno dei più grandi tennisti di tutti i tempi. Ma battere record non è sempre stato l’obiettivo principale di questo atleta svizzero. Fu nel 2009 - l’estate in cui divenne padre della sua prima coppia di gemelli - quando a Wimbledon batté il record storico di vittorie del Grand Slam® fino ad allora detenuto da Pete Sampras, che Roger Federer sentì di aver realizzato un sogno che andava oltre ogni aspettativa. L’orologio Rolex che indossava quel giorno lo riporta ancora ai momenti intensi di quell’estate decisiva.

Rolex e Roger Federer - Ogni Rolex ha una storia da raccontare
Scopri l’affinità che unisce Roger Federer a Rolex. Grande tennista e Testimonial Rolex, due delle sue grandi passioni sono lo sport e il suo Rolex Datejust II.

“Mi sono reso conto che avrei potuto essere il primo svizzero a diventare il n°1. È stato allora che ho capito che potevo riuscire in ciò che nessuno aveva mai fatto prima.”

Battere record non è mai stato molto importante per me. I miei obiettivi erano molto concreti, molto normali; speravo di riuscire magari a essere uno dei 100 migliori tennisti al mondo, prima o poi, se possibile uno dei primi 10. Ma ho sempre cercato di realizzare i miei sogni.

La svolta nella mia vita è arrivata quando avevo 14 anni e sono andato via da casa per allenarmi allo Swiss National Tennis Center. È lì che sono diventato un uomo, quei tre anni sono stati i più importanti della mia vita. Cercavo di capire quale fosse il segreto della forza mentale.

Eppure mi ci sono voluti altri sei anni per riuscire davvero a capirlo e per sentirmi completamente a mio agio su un campo da tennis. Dovevo imparare le lezioni nel modo più duro, provare la delusione cocente per aver perso l’ennesima partita a causa della mia incapacità di controllare le emozioni. Quando finalmente ci sono riuscito, mi è piaciuto così tanto che non ho mai smesso di farlo.

Il mio paese d’origine, la Svizzera, ha avuto un ruolo fondamentale nel farmi diventare la persona che sono oggi. A un certo punto, mi sono reso conto che avrei potuto essere il primo svizzero a diventare il n°1. È stato allora che ho capito che potevo riuscire in ciò che nessuno aveva mai fatto prima. E così è stato. Ho colto l’occasione e ho tratto ispirazione e forza dalle rivalità, dai record che potevo battere, dai tornei a cui amavo partecipare.

“Quando guardo il mio orologio, ho un ricordo estremamente vivido di quel giorno.”

Poi arrivò il 2009. Avevo appena vinto il mio primo Open di Francia quell’estate e sono andato a Wimbledon sperando di battere il record storico di vittorie del Grand Slam®, detenuto da Pete Sampras. Quando l’ho vinto, dopo un leggendario match di cinque set contro Roddick, non ci potevo credere. In tutta la partita non sono riuscito a strappare un servizio, fino all’ultimo game, ed è stato proprio quel punto a farmi vincere. Quando infine sono riuscito a sollevare il trofeo, avevo il mio Rolex al polso.

Il Rolex Datejust II di Roger Federer

Ecco perché questo orologio è così importante per me. Quando lo guardo, ho un ricordo estremamente vivido di quel giorno. Pete Sampras era venuto a vedere la finale – disse che sarebbe senz’altro venuto se mai ci fosse stata la possibilità che battessi il suo record. C’era pure Björn Borg, John McEnroe commentava il match e anche Rod Laver era fra il pubblico. Un sacco di miti del tennis erano lì. Al momento di uscire dal campo, tutti mi vennero incontro dagli spalti per salutarmi e congratularsi per il record. È stato stupendo sentire l’affetto della famiglia del tennis, che per me è molto importante.

Ogni volta che indosso il mio Rolex, mi ricorda quei momenti straordinari. Mi ricorda anche che se non lavori sodo, qualcun altro lo farà, e finirà per superarti. Quindi devi essere duro e in una certa misura spietato, ma anche essere sempre corretto e giocare con stile. Penso che questo sia molto importante.

Scopri le loro storie

#EveryRolexTellsAStory