La cassa Oyster rappresenta una pietra miliare nella storia dell’orologeria contemporanea. Inventata da Rolex nel 1926, è la prima cassa impermeabile per orologio da polso al mondo, grazie al sistema brevettato con lunetta, fondello e corona di carica avvitati sulla carrure. Emblema di impermeabilità e di robustezza, modello di proporzioni e di eleganza, questa cassa abbina con successo forma e funzione, qualunque sia il materiale utilizzato per realizzarla: acciaio Oystersteel, oro 18 ct. o platino 950.

  • La forza
    di un’idea

    La cassa Oyster

  • Oggi, grazie all’architettura ermetica della cassa, tutti gli orologi Oyster sono certificati impermeabili fino ad almeno 100 metri di profondità e fino a una profondità massima di 3.900 metri nel caso del Rolex Deepsea, l’orologio delle immersioni estreme.

  • LA CARRURE MASSICCIA
    La carrure della cassa Oyster (nella sua parte centrale) è stampata e lavorata in un blocco massiccio di acciaio Oystersteel, oro 18 ct. o platino. Caratterizzata dalla sua estrema robustezza, forma l’ossatura della cassa sulla quale sono solidamente fissati gli altri elementi. Sul fianco della carrure di alcuni modelli Professionali, le spallette di protezione della corona sono ricavate direttamente nel blocco.

  • IL FONDELLO A VITE CON SCANALATURE ROLEX 
    Il fondello dell’Oyster è ermeticamente avvitato alla carrure. Le caratteristiche scanalature dei fondelli Rolex, che riprendono quelle del modello Oyster del 1926, servono da presa a un apposito strumento, in dotazione esclusiva dei tecnici orologiai Rolex, necessario per accedere al movimento.

Il coronamento di un capolavoro

LA CORONA DI CARICA

Piccolo capolavoro di abilità tecnica, la corona di carica degli orologi Rolex si compone di circa dieci elementi ed è avvitata ermeticamente sulla cassa dell’orologio. Per la prima volta nella storia dell’orologeria, Rolex ha creato una corona di carica impermeabile, il punto di contatto sicuro tra l’interno dell’orologio, protetto e sigillato, e gli elementi dannosi del mondo esterno.

Le corone di carica Twinlock e Triplock, sviluppate da Rolex, sfruttano rispettivamente due o tre guarnizioni per garantire una tenuta stagna paragonabile a quella del boccaporto di un sottomarino.

L’arte dell’orologeria, cassa Oyster: la corona di carica

La cassa Oyster rappresenta una pietra miliare nella storia dell’orologeria contemporanea.

La lente Cyclope

Una lente brevettata da Rolex nel 1953 per ingrandire la data nell’emblema­tica finestrella del Datejust. Il suo nome è un richiamo ai giganti con un solo occhio della mitologia greca. Un elemento distintivo e immediatamente riconoscibile degli orologi Rolex. Realizzata con lo stesso vetro zaffiro inscalfibile sul quale è montata. Un doppio trattamento anti‑riflesso garantisce la massima leggibilità della data.

L’arte dell’orologeria, la cassa Oyster: la lente Cyclope
  • La lunetta

    Forma e funzione

  • Negli orologi Rolex forma e funzione sono indissolubili. Un esempio particolarmente indicativo è la lunetta, elemento essenziale, rappresentativo della fortissima identità visiva dei modelli Oyster. Nel corso degli anni, Rolex ha introdotto lunette fisse o girevoli in una vasta gamma di forme, offrendo funzioni diverse a seconda del tipo di orologio: tempo di immersione, secondo fuso orario, visualizzazione 24 ore, scala tachimetrica, etc.

  • LA LUNETTA ZIGRINATA 
    La lunetta zigrinata dell’Oyster aveva in origine una funzione: serviva ad avvitarla alla cassa, contribuendo così a garantire l’impermeabilità dell’orologio. La zigrinatura era, di conseguenza, l’esatta riproduzione di quella del fondello che, per le stesse ragioni, veniva avvitato alla cassa con degli appositi strumenti Rolex. 

    Per saperne di più

Condividi questa pagina