La storia di Rolex

Indissolubilmente legata allo spirito pionieristico del suo fondatore, Hans Wilsdorf

Il primo
orologio impermeabile

1926

Nel 1926 Rolex creò il primo orologio resistente all'acqua e alla polvere, segnando così un punto di svolta nella storia dell'orologeria. Chiamato Oyster, questo segnatempo era dotato
di una cassa sigillata ermeticamente, in grado di offrire una protezione ottimale al movimento.

La sfida: Rolex attraversa la Manica

1927

Dire che un orologio è impermeabile è una cosa. Dimostrare che lo
è davvero è tutta un'altra storia. Nel 1927 un Rolex Oyster attraversò incolume il Canale della Manica al polso di una giovane nuotatrice inglese, Mercedes Gleitze. La traversata durò oltre 10 ore, durante
le quali l'orologio rimase in ottime condizioni.

Il concetto
di testimonial

1927

Per celebrare l'impresa dell'attraversamento della Manica, Rolex fece pubblicare sulla prima pagina del quotidiano britannico Daily Mail un'inserzione a tutta pagina che annunciava il successo del suo
orologio impermeabile. Nacque così il concetto di testimonial.

Il movimento Perpetual

Il movimento Perpetual

1931

Nel 1931 Rolex introdusse e brevettò il primo meccanismo a carica automatica al mondo con rotore Perpetual. Vera e propria opera d'arte, questo dispositivo è il progenitore di tutti gli orologi automatici moderni.

In volo sull'Everest

1933

Rolex partecipa alla prima spedizione di sorvolo dell'Everest con i suoi orologi Oyster, che fanno parte della dotazione di bordo. I membri dell'equipaggio si dichiarano altamente soddisfatti delle prestazioni
dei segnatempo Rolex.

Un laboratorio
a cielo aperto

1935

Rolex ha saputo individuare in una varietà di contesti un'opportunità unica per testare, perfezionare e mettere in mostra l'Oyster. Il mondo dello sport, l'aviazione, le gare automobilistiche e le spedizioni costituiscono, infatti, veri e propri laboratori a cielo
aperto in cui mettere alla prova la ricca gamma di caratteristiche tecniche di ciascun orologio.

Sir Malcolm Campbell

1935

Negli anni '30 Rolex trovò in Sir Malcolm Campbell, uno dei più
grandi piloti dell'epoca, il partner perfetto per la sua nuova avventura:
la conquista della velocità. Il 4 settembre 1935, al volante della
Bluebird - e con al polso un orologio Rolex - il "re della velocità"
stabilì a Bonneville Salt Flats, nello stato americano dello Utah,
un record di 300 miglia orarie (ovvero 485 km/h) su terra. Tra il 1924
e il 1935, Sir Malcolm batté il record mondiale della velocità ben nove volte, tra cui cinque a Daytona Beach, in Florida.

Posta per Rolex

1935

"Uso ormai da tempo il mio orologio Rolex e la sua precisione cronometrica è impeccabile, anche nelle condizioni più difficili",
Sir Malcolm Campbell.

Il primo Datejust

1945

Nel 1945 viene lanciato l’Oyster Perpetual Datejust, il primo cronografo da polso automatico impermeabile al mondo ad indicare la data all’interno di una finestrella posta sul quadrante. Il Datejust, dotato di un bracciale Jubilé appositamente creato per l’occasione, di grande eleganza e immediatamente riconoscibile per la lunetta zigrinata, rappresenta il pilastro portante della collezione Oyster. Nato come orologio maschile, nel decennio successivo al suo lancio si declina anche in diversi modelli femminili.

L'uomo del mistero

1947

Nel 1947, in occasione dei festeggiamenti per la produzione del 100.000° cronografo ufficiale del marchio, Hans Wilsdorf offrì questo stesso Datejust ad un famoso personaggio,
che descrisse come una delle più illustri personalità dell’epoca. A tutt'oggi l'identità
di questo personaggio resta sconosciuta.